Seleziona una pagina
Le attività di UBG durante il lockdown

Le attività di UBG durante il lockdown

Con le misure restrittive finalmente alle spalle vorremmo riepilogare le attività sociali svolte da UBG nonostante il lockdown, in particolare gli eventi:

  • L’8 aprile abbiamo tenuto un webinar gratuito assieme all’ing. Catanossi dedicato a “Credito d’imposta Ricerca Sviluppo” rivolto alle aziende umbre. In particolare a quelle che progettano o fanno progettare prodotti che poi rivendono a proprio marchio, abbiano sostenuto costi (anche di personale interno) per ricerca, prototipi e sviluppo prodotti nel 2019 ed operino in settori come tessile, meccanica, medicale, chimica. Per chi non le avesse già visionate sono disponibile le slide;
  • Il 3 giugno abbiamo tenuto un altro webinarRisparmio energetico per la tua PMI. La trasformazione digitale come leva per innovazione e sostenibilità” in collaborazione con l’ing. Marco Cirillo di Schneider Electric e l’ing. Catanossi, focalizzandoci su due applicazioni in particolare: realtà aumentata e monitoraggio energetico e su come agevolare questo tipi di interventi con il Credito d’Imposta Industria 4.0, che permette un risparmio del 40%. Il target di questo evento erano le PMI manifatturiere interessate al risparmio energetico e alla riduzione dei tempi di fermo a seguito di un guasto. Qui potete vedere per intero il video del webinar: https://www.youtube.com/watch?v=GNiunH8dUcg
  • Il 19 giugno è stata la volta del webinar dedicato al bando Bridge to Digital della Regione Umbria intitolato “Incentivi alla digitalizzazione per la competitività delle imprese” svolto in forma di tavola rotonda con Unione Nazionale Consumatori Umbria e Associazione Legali Italani e con la consulenza tecnica di Moving Digital, la diretta dell’evento è stata diffusa dalla pagina Facebook dell’UNC Umbria.

Oltre a questi ci siamo premurati di tenere aggiornati soci e non tramite i nostri canali social, in particolare Twitter, sulla disponibilità di bandi e fondi, deduzioni fiscali, per far fronte alle inevitabili difficoltà economiche causate dal CoVid19 nonché ricondividendo alcuni annunci di lavoro per chi l’avesse perso a causa della pandemia.

UBG continua a partecipare ad iniziative per la ripresa dell’economia regionale, usciremo a breve con una challenge in compartecipazione con altri attori di rilievo locale e nazionale. Se sei un professionista o un’azienda e anche tu vuoi collaborare e beneficiare delle nostre attività scrivici a pr@umbriabusinessgroup.it 

Le aziende umbre contro il coronavirus

Le aziende umbre contro il coronavirus

Come annunciato la settimana scorsa abbiamo fatto una rassegna delle varie aziende della nostra regione che si sono attivate in vari modi per aiutarci tutti a contrastare questa pandemia. Si tratta di una forma di etica d’impresa che non si ferma agli slogan ma entra nel pratico proprio nel momento in cui ce n’è più bisogno e troviamo sia un segnale importante per gli altri da seguire. La nostra gratitudine va anche, sebbene non le abbiamo elencate per restare nel tema iniziale, a tutte quelle associazioni, fondazioni, privati ed enti che si stanno spendendo alla stessa maniera per un simile obiettivo. Per forza di cose l’elenco non pretende di essere esaustivo, ci siamo basati su quanto apparso nella stampa locale e/o segnalatoci in questi giorni dagli iscritti del nostro gruppo LinkedIn o dei nostri canali social.

Scriveteci a pr@umbriabusinessgroup.it per aggiungere la vostra azienda all’elenco sotto:

aziendaazionefonte
Kronos srlIT per smartworkingcommento al post originale sul nostro gruppo LinkedIn
Medical Center Production di Castel Ritaldicuciono mascherinehttps://tuttoggi.info/coronavirus-lazienda-umbra-che-cuce-5-km-di-stoffa-a-settimana-per-fare-mascherine/563987/
Umbra Groupdonazione ad ospedali Foligno e Perugiahttps://tuttoggi.info/coronavirus-donazione-per-gli-ospedali-di-foligno-e-perugia-da-umbragroup-e-famiglia-baldaccini/562163/
Geotek Center Srldonazione mascherinehttps://tuttoggi.info/coronavirus-importante-donazione-di-mascherine-per-narni-e-amelia/564300/
Luisi Spagnolimascherine e fondi per l’ospedalehttps://tuttoggi.info/coronavirus-da-luisi-spagnoli-mascherine-e-fondi-per-lospedale/564266/
Liomatic50.000€ alla protezione civilehttps://www.quotidianodellumbria.it/quotidiano/node/41852
Coop Centro Italiaprezzi bloccati fino al 31 maggiohttps://www.umbriaoggi.news/coronavirus-coop-e-superconti-bloccano-i-prezzi-fino-al-31-maggio/
Sterne Internationalmascherine e fondi per l’ospedalehttps://www.quotidianodellumbria.it/quotidiano/node/41856
Gubbiotti Cave di Sellanoventilatore a ospedale di Norciahttp://www.spoletonline.com/?page=articolo&id=164661
Ecole Service di Folignoventilatore a ospedale di Norciahttp://www.spoletonline.com/?page=articolo&id=164661
Agriturismo La Valle del Sambuco di Norciaelettrocardiografo a ospedale di Norciahttp://www.spoletonline.com/?page=articolo&id=164661
Gruppo Fleaassicurazione ai dipendenti in caso di contagiohttp://www.perugiatoday.it/economia/gualdo-tadino-gruppo-flea-matteo-minelli-lavoratori-assicurazione-.html
Tappezzeria Moretti a Ponte San Giovanniriconvertita produzione a creazione mascherinehttps://corrieredellumbria.corr.it/news/coronavirus/1534612/coronavirus-tappezzeria-moreno-moretti-perugia-riconverte-inizia-produrre-mascherine-ponte-san-giovanni-fatte-a-mano.html
Italpoltrone di Spoletoregala mascherine autoprodottehttps://tuttoggi.info/coronavirus-solidarieta-digitale-e-pratica-azienda-di-spoleto-regala-mascherine/560326/
Siri di Gualdo Tadino test rapido per il CoVid19https://corrieredellumbria.corr.it/news/home/1539322/coronavirus-umbria-test-rapido-sangue-siri-gualdo-tadino-paolo-paciotti-fora-parma-covid-19.html
Agricolustre mesi di abbonamento gratuito alla piattaforma Agricolus Easyhttps://www.agricolus.com/vicino-agli-agricoltori/
Alcantaraproduzione di mascherinehttp://www.umbria24.it/economia/coronavirus-alcantara-avvia-produzione-di-mascherine-apertura-dellazienda-su-cinque-assunzioni
Cosp Tecno Servicedonazione all’ospedale di Ternihttp://www.umbria24.it/attualita/coronavirus-allospedale-di-terni-via-a-test-sui-tamponi-tante-donazioni-fondi-per-terapia-intensiva
Ceplast donazione all’ospedale di Ternihttp://www.umbria24.it/attualita/coronavirus-allospedale-di-terni-via-a-test-sui-tamponi-tante-donazioni-fondi-per-terapia-intensiva
Oleificio Coppinidonazione all’ospedale di Ternihttp://www.umbria24.it/attualita/coronavirus-allospedale-di-terni-via-a-test-sui-tamponi-tante-donazioni-fondi-per-terapia-intensiva
Pernazza groupdonazione all’ospedale di Ternihttp://www.umbria24.it/attualita/coronavirus-allospedale-di-terni-via-a-test-sui-tamponi-tante-donazioni-fondi-per-terapia-intensiva
Bofrost Ternidonazione all’ospedale di Ternihttp://www.umbria24.it/attualita/coronavirus-allospedale-di-terni-via-a-test-sui-tamponi-tante-donazioni-fondi-per-terapia-intensiva
Depot di Ternidevoluto proventi vendite all’ospedale di Ternihttp://www.umbria24.it/attualita/coronavirus-allospedale-di-terni-via-a-test-sui-tamponi-tante-donazioni-fondi-per-terapia-intensiva
Il pianeta delle ideepannelli divisori in plexigas per chi lavora al pubblicohttps://www.youtube.com/watch?v=MQl8QrSLDfM
Moninimacchinari e attrezzature protettivehttps://tuttoggi.info/covid-19-non-si-ferma-la-monini-operativita-al-100-e-solidarieta-allospedale/565287/
Fertitecnica Colfiorito s.r.l.donazione all’ospedale di Foligno http://www.umbria24.it/economia/feritecnica-colfiorito-riconosce-bonus-per-tre-mesi-ai-lavoratori-mano-tesa-agli-ospedali

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

SUAPE in Umbria

SUAPE in Umbria

Il SUAPE (Sportello Unico per le Attività Produttive e l’Edilizia) verrà finalmente attivato anche a Spoleto dal 1 dicembre 2019, uno dei diciotto comuni umbri, assieme ad Acquasparta, Arrone, Assisi, Bevagna, Calvi dell’Umbria, Campello sul Clitunno, Castiglione del Lago, Deruta, Ferentillo, Giano dell’Umbria, Gualdo Tadino, Gubbio, Montefalco, Narni, Terni, Todi, Trevi, Tuoro sul Trasimeno, Umbertide e Valtopina. Lo sportello online consente quindi di inviare pratiche agli uffici preposti, seguirne online l’iter, e avere un unico interlocutore invece di correre da uno sportello all’altro. Il SUAPE già esiste in Sardegna e comuni come Prato o Parma, risponde all’esigenza di dematerializzare le pratiche cartacee e proseguire nella digitalizzazione della Pubblica Amministrazione ed è operativo nella nostra regione come da delibera 700/2017 della Regione Umbria “Accordo conferenza unificata 4 maggio 2017, n. 46/CU. Recepimento ed adeguamento da parte della Regione Umbria della modulistica unificata e standardizzata in materia di attività commerciali e assimilate ed edilizia.”. 

La modulistica coperta è la seguente:

Allegato 1 “attività commerciali e assimilate”: Modulo Scheda Anagrafica;

Modulo Esercizio di vicinato e Medie strutture M1; 

Modulo Medie e Grandi strutture;   

Modulo Spacci interni;

Modulo Apparecchi automatici;

Modulo Vendita per corrispondenza;

Modulo Vendita al domicilio dei consumatori; 

Modulo Somministrazione Zone Tutelate; 

Modulo Somministrazione Zone non Tutelate; 

Modulo Somministrazione temporanea; Modulo Acconciatori ed Estetisti;

Modulo Unico Subingresso;

Modulo Unico Cessazione;

Modulo Notifica Sanitaria;

Allegato 2.A “attività edilizia – Accordo Conferenza Unificata 04/05/2017”:

Modulo CILA;

Modulo SCIA;

Modulo “Dichiarazione per l’Agibilità” ;

Modulo “Soggetti coinvolti” ;

Modulo “Comunicazione fine lavori” ;

Allegato 2.B “attività edilizia – nuova pubblicazione moduli DGR 304/2015)”:

Modulo “Permesso di Costruire” ;

Modulo “Dichiarazione che tiene luogo dell’agibilità” ;

Modulo “Elaborati progettuali minimi necessari a corredo delle istanze per i titoli abilitativi” ; Modulo “Certificazione preventiva sull’esistenza e sulla qualità dei vincoli” ;

Modulo “Dichiarazione di conformità del piano attuativo”;

Come per tutti i portali della pubblica amministrazione nuovi o rinnovati di recente l’accesso sarà consentito solo tramite SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Umbria Business Group assiste i propri soci, al pari di quanto  già successo con Turismatica, nel superare eventuali difficoltà tecniche o burocratiche nell’accesso e gestione dei propri profili sui portali della Pubblica Amministrazione.

Chiama +39 339 6207311 o invia una email a pr@umbriabusinessgroup.it per maggiori informazioni.

Cambia la piattaforma Turismatica della Regione Umbria

Cambia la piattaforma Turismatica della Regione Umbria

La regione Umbria ha annunciato da giugno scorso la creazione di un nuovo applicativo per la raccolta delle informazioni sui flussi turistici a sostituzione del vecchio sito.

Il passaggio avverà con le seguenti modalità:

Le comunicazioni degli arrivi e partenze dei turisti nel mese di agosto 2019 devono essere caricati entro e non oltre giovedì 5 settembre 2019 (scadenza tassativa e non prorogabile) sul vecchio sito https://turismatica.umbria2000.it le comunicazioni dal mese di settembre 2019 in poi dovranno essere caricate sul nuovo sito https://turismatica.regione.umbria.it .

ATTENZIONE!

L’accesso alla piattaforma nuova Turismatica sarà possibile solo tramite SPID.

Questi sono i passaggi per essere accreditati all’accesso:

Richiedere le credenziali SPID come da modalità riportate sul sito https://www.spid.gov.it/ Inviare a turismatica@regione.umbria.it il form Comunicazione Delegati contenente nome, cognome e codice fiscale delle persone delegate a operare per conto del titolare in Turismatica.

Nel caso abbiate bisogno di supporto, l’UBG è come sempre a disposizione dei suoi iscritti.

Analisi di mercato in 3 semplici passaggi

Analisi di mercato in 3 semplici passaggi

Sei convinto che la tua idea sia così disruptive da diventare la prossima Unicorn Startup – come Airbnb, Stripe, Asana.

Hai già sviluppato il tuo prototipo e sei pronto ad andare in produzione per conquistare milioni di clienti.

Il tuo magazzino è pieno di prodotti favolosi ma non ti capaciti perché nessuno li voglia comprare.

Cosa hanno in comune tutte le situazioni sopra riportate? La necessità di analizzare i trend di crescita del mercato e i principali competitor prima ancora di dedicare tempo e denaro a sviluppare un progetto. Ti dò una brutta notizia: se non l’hai ancora fatto rischi di buttare soldi e tempo in prodotti e servizi che nessuno comprerà mai.

Laura (nome di fantasia, per la tutela della privacy) ha avuto un’interessante idea per un prodotto luxury ma non avendo esperienza nella gestione strategica d’impresa ha contattato Umbria Business Group per un supporto nella scrittura del suo business plan. Abbiamo guidato Laura nelle varie fasi di sviluppo, fornendo consulenza ad integrazione delle sue competenze, in particolare nell’analisi di mercato. 

Qua di seguito trovi una lista dei 3 passaggi necessari che abbiamo seguito con Laura per raccogliere ed analizzare quanti più dati possibile e prendere decisioni corrette e informate. 

  1. Analisi demografica
  2. Dimensione del mercato (volume e valore)
  3. Mercato di riferimento (target market)

Prendi carta e penna, apri Excel o il tool che preferisci e ricordati di annotare i risultati al termine di ogni singolo passaggio.

Analisi demografica

Indifferentemente che si tratti di un business con un negozio fisico oppure online, il primo valore da cercare è il numero e le caratteristiche demografiche della popolazione (se B2B o B2C) e delle aziende (se B2B). Questi dati ti aiuteranno a farti una prima idea del tuo mercato potenziale e delle motivazioni di acquisto, che approfondiremo al punto 3. 

Queste sono le mie fonti per un’analisi demografica:

  • ISTAT banca dati delle statistiche correntemente prodotte dall’Istituto nazionale di statistica
  • Censis attività di ricerca in campo economico e sociale
  • CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche
  • Eurostat ufficio di statistica dell’Unione Europea 
  • World Bank Open Data banca dati di tutti i paesi del mondo
  • ADB Data Library banca dati dell’Asian Development Bank
  • Registro imprese della CCIAA
  • Market Finder di Google analisi di mercato guidata per espansione nei mercati esteri
  • Info Mercati Esteri della Farnesina
  • Camere di commercio internazionali
  • Associazioni di settore

Laura vuole vendere in Italia ed Europa (per iniziare) e ha bisogno di raccogliere i seguenti dati: popolazione femminile (acquirenti dirette o destinatarie di un regalo) e reddito delle persone fisiche IRPEF per comuni (importante per capire quanti possono permettersi un prodotto luxury e dove si trovano). Abbiamo trovato questi dati sul sito dell’ISTAT dove usando le tabelle dinamiche è possibile ottenere risultati più dettagliati in base alle query inserite. Il mio consiglio è di non fermarsi ad un’unica fonte ma di usarne quante più possibile per pertinenza.

Dimensione del mercato

A questo punto sarai sommerso di dati e probabilmente anche abbastanza confuso. Ma non preoccuparti, perché andremo a scremare per definire il volume e il valore del tuo mercato e i trend da tenere d’occhio. 

Le fonti principali sono: 

Anche qua vale la regola di usare quanti più siti possibile per avere una visione più dettagliata.

Laura ha bisogno di dati nel settore luxury ed ha inserito nella barra di ricerca Google le seguenti keywords: “luxury market” – “luxury market trends” – “personal luxury goods” – ““luxury market reports” – “fashion luxury market analysis”. Sono emerse diverse ricerche di mercato già “confezionate” che hanno guidato Laura nel definire con più precisione il mercato di interesse. 

Abbiamo annotato i seguenti numeri: valore complessivo del mercato in euro, CAGR (tasso composto di crescita annuale del mercato), margine medio EBIDTA, fatturato delle aziende top italiane. Dove gli indici non erano già disponibili, li abbiamo calcolati. 

Facendo delle ipotesi ragionate abbiamo stimato la dimensione e il valore del mercato del luxury TAM, SAM e SOM per il prodotto di Laura:

  • TAM 10% (percentuale stimata di affluent in target per età, sesso e interesse nel prodotto) del Personal Luxury Goods Market = 26 miliardi di euro
  • SAM 38% (percentuale delle vendite luxury che avvengono  in EU) del TAM = 10 miliardi di euro
  • SOM 1% (quota di mercato che potrebbe essere verosimilmente interessata al prodotto di Laura) del SAM = 100 milioni di euro

Questi primi dati devono farci riflettere e capire se effettivamente valga la pena fare un investimento per un mercato del valore di 100 milioni di euro. Se siamo una PMI e sviluppare il nostro prodotto / servizio e promuoverlo ha costi contenuti probabilmente sì, se invece i costi sono elevati ma non vogliamo rinunciare al nostro prodotto, la strada potrebbe essere quella di fare la prima fase di sviluppo e vendere poi il brevetto ad aziende già consolidate sul mercato.

Mercato di riferimento (target market)

Veniamo ora ad analizzare il mercato di riferimento. La parola d’ordine è segmentare: a chi voglio comunicare il mio prodotto / servizio, quali esatte caratteristiche ha, dove vive, cosa fa, quali sono i suoi bisogni. Ci serviranno tutte le informazioni qualitative e quantitative raccolte precedentemente. 

Dai report scaricati al punto 2 sappiamo che il consumatore del lusso che Laura vuole identificare presenta le seguenti caratteristiche: 

  • la composizione demografica è 33% Gen X, 33% Millennials, 8% Gen Z
  • la nazionalità più rappresentata è quella cinese con il 36%, a seguire Nord America al 21% ed Europa al 17%
  • il 40% circa dei clienti è composto da turisti, ovvero da persone che acquistano in occasione di viaggi all’estero 
  • nel 2017 il canale online contava per il 9% delle vendite, con un trend in decisa crescita fino a raggiungere un quinto delle vendite nel 2025
  • l’80% delle decisioni di acquisto matura online e la ricerca su mobile è ben 4 volte quella da desktop
  • un dato non trascurabile è rappresentato dalla spesa maschile nel mercato del lusso, un 30% di tale spesa è destinato ad essere regalato

Abbiamo un buon punto di partenza, armiamoci di post-it e pennarelli si comincia con il brainstorming. Entra ora in gioco un altro strumento, di cui probabilmente avrai sentito parlare: il Value Proposition Canvas, che ti aiuta a mettere a confronto il tuo cliente ideale e il tuo prodotto. Il Value Proposition Canvas, come si evince dal nome, è un tool che guida l’imprenditore nel descrivere la propria Value Proposition e nel valutare se c’è un “fit” tra il valore offerto e il segmento di clientela identificato. In pratica si identificano i bisogni, le difficoltà incontrate e i vantaggi del cliente e in modalità speculare si cerca di fornire soluzioni con il proprio prodotto o servizio. Questo video introduttivo di Strategyzer spiega molto bene la sua importanza:

Terminato il lavoro del canvas, possiamo finalmente creare un avatar del cliente ideale o buyer persona di Laura. Un tool interattivo che ti suggerisco di usare è Hubspot Make My Persona: tramite una serie di domande ti aiuta a definire con estrema precisione le caratteristiche demografiche, lavorative, obiettivi, difficoltà, modalità di comunicazione e presenza sui social media dei potenziali clienti. Questo è particolarmente importante non solo per lo sviluppo di un prodotto / servizio che soddisfi i bisogni del cliente, ma anche per la strategia di comunicazione che dovremo poi elaborare. 

Ora hai tutte le informazioni necessarie per procedere all’analisi del tuo mercato. Ricordati di seguire tutti i passaggi e di non saltarne nemmeno uno. In seguito, dopo che avrai preso confidenza con i vari tools, vedrai che otterrai risultati sempre più precisi che ti aiuteranno ad identificare la tua nicchia di riferimento. 

Questo è il secondo articolo di una serie nel nostro blog, l’episodio precedente era intitolato “Consulenza aziendale: breve guida per imprenditori“. Nel prossimo articolo parleremo di analisi della competizione, barriere all’ingresso e regolamentazioni per l’accesso ai mercati.

Se come Laura anche tu vuoi un supporto per la stesura del tuo business plan, iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle prossime uscite del blog e sulle nostre attività.